Ricerca Di Lavoro

Quando le aziende devono informare i candidati di lavoro?

Motivi per cui i datori di lavoro non inviano e-mail di rifiuto

Imprenditrice in attesa per telefono

••• Paul Bradbury/OJO Images/Getty Images

SommarioEspandereSommario

Quando i candidati al lavoro non ricevono risposta da un datore di lavoro, può essere sconvolgente. Ci vuole tempo per fare domanda per un lavoro, dalla ricerca dell'azienda alla creazione di un curriculum mirato e una lettera di presentazione, ed è frustrante non ottenere una risposta.

Eppure è molto comune per le aziende non avvisare i candidati quando lo sono rifiutato per un lavoro . In effetti, potresti persino intervistare il datore di lavoro e non rispondere mai.

Se ti è successo, potrebbe sembrare che la tua domanda sia scomparsa in un buco nero di ricerca di lavoro.

Può aiutare a saperne di più sul motivo per cui le aziende evitano di condividere lo stato di assunzione con i candidati, quando devono divulgare informazioni e come seguire durante il processo di candidatura.

Requisiti legali per la notifica dei candidati di lavoro

Nella maggior parte dei casi, i datori di lavoro non sono legalmente tenuti a notificare ai candidati che non sono stati accettati per un lavoro.

Tuttavia, molti esperti di risorse umane ritengono che i datori di lavoro dovrebbero informare tutti i candidati del loro status. In caso contrario, i candidati potrebbero dissuadere dal considerare il datore di lavoro per altri posti vacanti più adatti e potrebbe anche creare un'impressione negativa dell'organizzazione con i dipendenti del richiedente. In molti settori, i candidati sono anche clienti o potenziali clienti e la maggior parte dei datori di lavoro desidera evitare di alienarsi i propri sostenitori.

Motivi per cui le aziende non notificano i candidati

Secondo un sondaggio di Clutch, più di un terzo delle persone in cerca di lavoro ha affermato che l'ultima azienda che li ha rifiutati lo ha fatto nascondendoli, in altre parole, interrompendo il processo di assunzione senza una parola.

Ma perché le aziende fantasma dei candidati? US News & World Report ha intervistato i leader dell'azienda e i responsabili delle assunzioni per scoprire i motivi per cui evitano di inviare lettere di rifiuto. Le loro ragioni includevano:

uno. Volume: Le aziende ricevono una media di 250 curricula per posizione. È già abbastanza difficile gestire la maggior parte di quelle e-mail, per non parlare di rispondere a ogni persona individualmente con un rifiuto.

Due. Paura di una causa: Una lettera di rifiuto potrebbe potenzialmente portare ad un'azione legale, a seconda di come è scritta. Dal punto di vista dei datori di lavoro, può sembrare meglio non inviare alcuna lettera che rischiare una potenziale causa.

3. Comunicazione indesiderata: Una lettera di rifiuto proveniente da un dipendente specifico con informazioni di contatto (ad es. Nome ed e-mail) può innescare comunicazioni indesiderate da parte del candidato, chiedendo di candidarsi nuovamente per un'altra posizione o feedback su dove il colloquio è andato storto. Moltiplicalo per 250 rifiuti ed è una seccatura che i responsabili delle risorse umane vogliono evitare.

Ci sono altri motivi per cui le aziende possono astenersi dalla notifica ai candidati. In alcuni casi, l'azienda può cambiare direzione e decidere di non ricoprire più la posizione. Il messaggio può essere rimosso dal sito Web, ma in genere l'azienda non informa i candidati di questi lavori interni.

A volte, le aziende evitano di rifiutare i candidati perché la posizione è ancora aperta. L'azienda potrebbe voler mantenere aperte le proprie opzioni.

L'azienda può intervistare più persone e offrire il lavoro a una, ma astenersi dal respingere tutti i candidati nel caso in cui il candidato di prima scelta non accetti la posizione.

Requisiti di notifica del governo federale

Nel 2009, il governo federale ha stabilito i requisiti per le agenzie di notificare ai candidati il ​​loro status durante il processo di screening come parte del suo ' iniziativa di assunzione end-to-end .'

La notifica deve avvenire almeno quattro volte durante il processo: al ricevimento della domanda, quando la domanda viene valutata rispetto ai requisiti per l'incarico, quando viene presa una decisione sull'opportunità di rinviare il candidato al funzionario selezionatore e quando la decisione finale viene presa la decisione sul lavoro.

Screening di background e test di occupazione

I datori di lavoro che rifiutano i candidati in base a screening dei precedenti e test di occupazione deve notificare ai richiedenti se sono stati respinti sulla base di qualsiasi informazione ottenuta attraverso tale processo.

Il Legge sulla segnalazione del credito equo prevede che i candidati abbiano il diritto di contestare ogni notizia pregiudizievole contenuta nella propria segnalazione. Le aziende che non danno ai candidati l'opportunità di rispondere a controlli negativi dei precedenti possono trovarsi in difficoltà legali.

In che modo i datori di lavoro informano i candidati sui colloqui

I datori di lavoro più frequentemente informano i candidati per telefono o e-mail, ma potresti persino ricevere un messaggio di testo o una lettera scritta che ti invitano a un colloquio.

Il messaggio e-mail, la lettera o la telefonata che riceverai includerà i dettagli su chi incontrerai. È possibile che ti venga assegnato un orario prestabilito o che ti venga offerta una scelta di orari per il colloquio.

Se l'azienda richiede che tu prepari materiali, ad esempio un programma di lezione per un lavoro di insegnante, sarai informato su cosa dovresti portare e come dovresti prepararti.

Dovresti anche essere informato sul formato del colloquio. Ad esempio, l'azienda dovrebbe farti sapere se stai incontrando un gruppo di individui piuttosto che un singolo intervistatore.

Come seguire un datore di lavoro

Può essere difficile follow-up quando hai fatto domanda per un lavoro . Molti datori di lavoro non elencano informazioni di contatto, indirizzi e-mail o numeri di telefono. Se hai presentato domanda tramite il sito aziendale o un sito Web di offerte di lavoro, potresti essere bloccato in attesa di vedere se riceverai risposta.

Se vuoi provare trova un contatto in azienda , ci sono diversi modi per farlo:

  • Guarda il sito Web dell'azienda per vedere se il responsabile delle assunzioni o il rappresentante delle risorse umane è elencato lì.
  • Se hai il nome della persona di contatto, ma non il suo indirizzo e-mail, puoi guardare la convenzione per altri indirizzi e-mail presso l'azienda e fare un'ipotesi plausibile.
  • Se non hai un nome, puoi provare a chiamare l'azienda per chiedere il miglior contatto per le risorse umane.

Follow-up una, una settimana o due dopo l'applicazione iniziale. Dopodiché, è meglio lasciar perdere. I datori di lavoro vogliono candidati entusiasti, ma non vogliono lavorare con qualcuno che persiste oltre il punto della ragione.

Il momento più semplice per il follow-up è dopo un colloquio di lavoro, se fai i compiti durante il colloquio stesso. Chiedi sempre quando puoi aspettarti di ricevere notizie dall'azienda e prendi nota del nome e delle informazioni di contatto del responsabile delle assunzioni. Queste informazioni torneranno utili anche quando invii il tuo nota di ringraziamento (idealmente, entro 24 ore dal colloquio).

Quindi, trascorso tale lasso di tempo, puoi inviare un'e-mail o chiamare per scoprire lo stato. Potresti non ricevere una risposta, ma almeno avrai fatto la tua parte.

Fonti dell'articolo

  1. SHRM. Cosa dovrebbe dire un datore di lavoro a un candidato che non è selezionato per la posizione ? Accesso il 30 settembre 2020.

  2. SHRM. Il modo in cui rifiuti un candidato di lavoro definisce la tua strategia di reclutamento . Accesso il 30 settembre 2020.

  3. Frizione. ' Quali sono le cause del ghosting sul posto di lavoro ?' Accesso il 30 settembre 2020.

  4. Notizie dagli Stati Uniti e rapporto mondiale. 4 motivi per cui i responsabili delle assunzioni non inviano lettere di rifiuto . Accesso il 30 settembre 2020.

  5. OPM.gov. Elementi di assunzione Tabella di marcia per le assunzioni end-to-end . Accesso il 30 settembre 2020.