Carriere Musicali

I fatti dell'industria musicale che ogni musicista deve sapere

una silhouette di musicisti a un concerto rock

••• Wolfgang Lienbacher / Vetta / Getty Images

Lavorare nella musica è più di un semplice lavoro dalle nove alle cinque: richiede molto impegno, spesso per non molti compensi o riconoscimenti. Non aiuta che ci sia così tanta disinformazione là fuori su come entrare nell'industria musicale e cosa fare una volta che ci sei.

Quindi, qui abbiamo alcune verità sul business musicale. Sebbene destinati ai musicisti, sono utili anche per coloro che si occupano di affari. Alcuni sono incoraggianti e altri rientrano nella categoria di un controllo di realtà. Tutti, tuttavia, sono piuttosto importanti da capire.

Conoscere la musica non significa conoscere il business della musica

Inchiodare il quiz sulla musica da pub, andare a tonnellate di spettacoli, essere in grado di snocciolare un elenco di etichette: questo genere di cose non ti rende automaticamente in grado di prenotare gli spettacoli, gestire le etichette e così via.

Ci sono aspetti pratici, finanziari e non, nel mondo della musica che semplicemente non sono evidenti finché non devi, ad esempio, assicurarti che il cd la corsa è nei tempi previsti e la recensione verrà davvero pubblicata quando promesso. Anche se comprendi il rapporto tra etichette, distributori e vendita al dettaglio, ad esempio, non lo 'capisci' fino a quando non sperimenti il ​​processo dall'interno piuttosto che sperimentarlo da fan. I due mondi sono MOLTO diversi.

Non commettere errori: amare la musica e conoscerla molto è necessario se vuoi fare bene nell'industria musicale (beh, non proprio RICHIESTO; alcune persone che gestiscono attività musicali non sanno molto di musica e stanno solo pattinando, ma loro alla fine finiscono per cadere nel ghiaccio). Tuttavia, non entrare nell'industria musicale con l'idea che una vita di nerd-dom musicale ti abbia reso un esperto di music biz. Non solo infastidirai le persone, ma sbaglierai anche completamente e perderai l'occasione di imparare davvero cosa fa funzionare le cose.

Le recensioni non si traducono in vendite

Almeno, non sempre. Essere recensiti dappertutto può essere utile per far conoscere il tuo nome, ma anche se puoi indicare 50 recensioni che dicono tutte che il tuo album è l'apice del fare musica e nessuno dovrebbe nemmeno provare a registrare di nuovo perché è così impossibile da battere, la percentuale di persone che finiscono e acquistano il tuo disco sulla base di quelle recensioni sarà sorprendentemente piccola. La riproduzione radiofonica è molto più efficace nella vendita di musica rispetto alle recensioni stampate.

Le recensioni sono solo una parte dell'immagine. Puoi usarli per generare interesse dalle etichette e per prenotare spettacoli e così via. Ma anche se vieni recensito in tutte le principali pubblicazioni e siti per il tuo genere musicale , non dare per scontato che sia ora di andare a fare la spesa per la nuova auto di lusso. Se non lavori per sfruttare quelle recensioni in qualcos'altro, saranno solo un piccolo inconveniente sullo schermo.

Puoi ancora guadagnare vendendo la tua musica

Ora, eccone uno controverso. C'è un grande dibattito in corso nell'industria musicale sulla musica gratis, e alcune persone credono che tutta la musica debba essere gratuita e che l'unico modo per fare soldi sia il merchandising e gli spettacoli dal vivo. È un po' estremo. Sì, le vendite di musica stanno diminuendo. Sì, la musica gratuita è ampiamente disponibile.

Resta il fatto che i tuoi fan vogliono che tu continui a fare musica e sono disposti a pagarti per i tuoi servizi in modo che tu possa continuare. Il trucco sta nel trovare il giusto equilibrio tra allettare i tuoi fan con gadget gratuiti e offrire loro la possibilità di acquistare musica di qualità a un prezzo equo nel formato che desiderano.

Non c'è una risposta generale qui per ciò che funzionerà per te. Le tendenze in termini di uscite e formati di pubblicazione sono diverse nei diversi generi musicali. Se i tuoi fan vogliono il vinile, risparmia i tuoi soldi e dallo a loro. Se sono tutti digitali, sempre, allora daglielo. Se vogliono i CD, dagli loro dei CD. (E, sì, la gente compra ancora i CD. Davvero.)

Devi conoscere la tua base di fan. Potrebbero essere necessari alcuni tentativi ed errori per scoprire cosa funziona. L'unica cosa che puoi fare, tuttavia, è respingere l'idea che la tua musica non sia altro che un oggetto promozionale creato per vendere magliette, tazze da caffè e biglietti per concerti. Il merchandising È importante e dovrebbe far parte del tuo piano. Non dovrebbe essere IL piano.

Non puoi ripetere il passato

Probabilmente puoi pensare a una lunga lista di musicisti ed etichette che hanno realizzato grandi acrobazie, dall'essere scoperti su un sito di social network a una campagna di marketing kitsch che è esplosa come fuochi d'artificio. Questo genere di cose è stimolante.

Tuttavia, non sono così grandi per la copia. Solo perché puoi elencare 25 band che sono state scoperte su Facebook non significa che dovresti aspettarti che succeda a te, e solo perché la band XYZ è finita per essere profilata in TV per il loro annuncio fuori luogo non significa che puoi ripetere il loro piano con lo stesso risultato.

Semplicemente non esiste un libro di regole su come avere successo con la tua musica, e il successo passato non è un'indicazione di ciò che funzionerà in futuro. È meglio imparare da ciò che gli altri hanno fatto, ma trovare la tua strada verso i tuoi obiettivi musicali. Non lasciare che nessuno ti venda l'idea di sapere come ripetere questo tipo di successi passati. Fai attenzione alle PR e agli altri che vogliono che tu li paghi per mostrarti come fare ciò che ha fatto una band di grande successo.

Un'etichetta discografica potrebbe aiutarti

Dal momento che l'industria musicale è in continuo mutamento, ci sono molte persone là fuori che promuovono gli estremi, come l'idea che le etichette discografiche non ho niente da offrire talento, punto. Sebbene ci siano più strumenti e strade che mai per i musicisti per pubblicare la propria musica e gestire le proprie carriere, ciò non significa che sia la scelta giusta su tutta la linea.

Non tutte le etichette discografiche sono gestite da idioti schiumosi che vogliono rubarti i soldi. La stragrande maggioranza delle etichette è gestita da amanti della musica che vogliono assicurarsi che le persone ascoltino le tue canzoni e che gestiscano alcune delle cose non creative che potrebbero essere difficili da fare per te.

Ad alcuni musicisti piace davvero prendersi cura del lato commerciale della loro carriera e hanno davvero un talento per questo. Altri vogliono semplicemente essere in grado di concentrarsi sulla parte artistica. Ecco dove un'etichetta discografica può aiutare. Le etichette portano anche una vasta conoscenza del business, contatti che richiedono anni per costruire e un budget che potresti non essere in grado di oscillare da solo.

Il percorso fai-da-te è perfetto per alcuni musicisti. L'idea che sia per tutti è ridicola. Devi filtrare il rumore di fondo e decidere quale percorso è quello che fa per te.

Le basi contano ancora

In questi giorni, c'è così tanta attenzione su questa app o su quello strumento di social networking per i musicisti. Questi strumenti possono avere un posto, ma sono secondari rispetto alle basi. Scrivere buone canzoni e suonare spettacoli costituiscono ancora le basi di qualsiasi vera carriera musicale. Puoi farcela con la musica senza lo speciale software di marketing, ma non puoi farcela senza la musica e gli spettacoli. Almeno non per molto.

Inoltre, nessuno ha mai detto: 'Non mi piace molto la musica, ma wow, adoro i pensieri di questo gruppo sui social network e promozione musicale . Quando giocano?' Ora, questo non vuol dire che non dovresti istruirti sui problemi che il settore deve affrontare o che non dovresti essere attivamente coinvolto nel plasmare la direzione che dovrebbe prendere il tuo settore prescelto.

Vale a dire, tuttavia, che una buona canzone è più potente di un blog, un commento sul blog, un titolo, un nuovo programma software o un nuovo sito di social networking. Se sei un musicista, la tua priorità dovrebbe essere la tua musica, ogni volta.

I social network non salveranno la tua vita musicale

I social network possono essere uno strumento utile per entrare in contatto con i tuoi fan e tenerli a bordo e interessati. Può anche essere un'enorme distrazione se non gli dai il posto giusto nella tua lista di priorità. Ora, probabilmente puoi pensare a molti musicisti che hanno ottenuto qualcosa su un sito di social network. Vai avanti, vedi quanti puoi elencare. Ora, quale percentuale del numero totale di musicisti che sono nel cloud rappresenta la tua lista? Esattamente.

Non trascurare le altre parti della tua carriera musicale a favore di essere attivo sui siti di social network. Sempre. Inoltre, non pagare mai nessuno per 'insegnarti' come utilizzare i siti di social network in modo efficace. Non c'è nessuna formula magica. Nessuno. Il modo migliore per avere successo su questi siti è essere te stesso e capire cosa è giusto per te.

Non è necessario pagare qualcuno per dirti come è stato fatto, non importa quanto alcune persone potrebbero dirti che lo fai. Non è scienza missilistica. Salta dentro. Lo capirai. Se hai bisogno di qualche consiglio su cosa funziona e cosa no, ci sono più risorse gratuite dedicate all'offerta di consigli su questo genere di cose di quante potresti sperare di leggere in una vita.

Guadagnarsi da vivere è possibile

Chiudiamo con una nota positiva. Non tutti coloro che lavorano nella musica guarderanno a una vita fatta di piscine e jet privati, ma guadagnarsi da vivere nella musica non è così folle come potrebbe dirti tua madre. Dalle etichette alla distribuzione, alla promozione, alla prenotazione, alla produzione e altro ancora, ce ne sono molte lavori legati alla musica (oltre a performare) che ti permettono di pagare le bollette. Pazienza e duro lavoro sono un must, ma puoi arrivarci.