Ricerca Di Lavoro

Guida all'uso di Facebook durante una ricerca di lavoro

Persona che utilizza Facebook su un tablet

•••

Peter Macdiarmid / Getty Images

La privacy è un problema su Facebook, in generale, ma è ancora più un problema quando cerchi lavoro. Se non stai attento, tutto ciò che pubblichi su Facebook può essere visto dal tuo attuale datore di lavoro o da un potenziale datore di lavoro. Commenti inopportuni e foto inadeguate sono costate offerte alle persone in cerca di lavoro e hanno causato il licenziamento dei dipendenti.

Dato che quasi tutti usano Facebook, è intelligente prendersi il tempo per assicurarsi che ciò che pubblichi sia visto solo da chi vuoi vederlo, non dal mondo. Se stai cercando lavoro o sei preoccupato per il fatto che il tuo capo o i tuoi colleghi vedano i tuoi post, controlla attentamente le tue impostazioni sulla privacy, sia le impostazioni generali che le impostazioni per ciascuno dei tuoi post.

Prima di fare clic per pubblicare, assicurati che sia visibile solo alle persone a cui vuoi che lo vedano. Jon Gelberg, Chief Content Officer, Blue Fountain Media, condivide suggerimenti per le persone in cerca di lavoro che cercano di rafforzare e ripulire la loro presenza su Facebook.

Contenuti da mantenere privati

  • Non pubblicare nulla che non vorresti il ​​tuo attuale datore di lavoro o a potenziale datore di lavoro da vedere.
  • Evita qualsiasi commento che possa essere interpretato in alcun modo come razzista, sessista o discriminatorio.
  • Rimuovi o deseleziona le tue foto che ti mostrano in una luce sfavorevole. Se preferisci non farlo, assicurati di gestire attentamente le impostazioni sulla privacy del tuo album. Questi controllano quali persone possono vedere quali dei tuoi album.
  • Guarda la tua cronologia. Rimuovi dai tuoi amici i commenti che sembrano sgradevoli.
  • Guarda le app sul tuo profilo. Il loro scopo ti ritrae bene? Ci sono più di alcune app che potrebbero non essere le migliori da avere sulla tua pagina quando stai cercando un lavoro.
  • Di quali gruppi fai parte? Se appartieni a 'Sono le 5 del mattino, sono ubriaco e su Facebook' o a gruppi simili, probabilmente vorrai lasciarli.

Impostazioni della privacy

  • Assicurati che solo gli amici possano vedere le tue foto.
  • Assicurati che solo gli amici possano vedere le tue opinioni religiose e politiche.
  • Assicurati che solo gli amici possano vedere i tuoi post.
  • Con le impostazioni sulla privacy, ti viene data l'opportunità di visualizzare in anteprima il tuo profilo, una funzione che ti consente di vedere cosa vede il mondo esterno quando accede alla tua pagina Facebook.
  • Elimina le app di Facebook inappropriate.

Social media e diritti dei dipendenti

Hope Goldstein, partner di Bryan Cave LLP, che rappresenta i datori di lavoro in tutti gli aspetti del diritto del lavoro e del diritto del lavoro, condivide i suoi consigli per dipendenti e datori di lavoro su ciò che i dipendenti possono pubblicare su Facebook e altri siti di social media, insieme alle questioni che i datori di lavoro devono essere consapevole durante la creazione di politiche sui social media.

I dipendenti, indipendentemente dal fatto che stiano parlando intorno a un refrigeratore d'acqua in un ufficio o su Facebook, hanno il diritto di discutere delle condizioni di lavoro. Esprimere la propria opinione sulle condizioni di lavoro è un'attività protetta.

I dipendenti non possono semplicemente pubblicare tutto ciò che vogliono su Facebook o altrove. La diffamazione o la calunnia o la pubblicazione di commenti su persone che non sono legate al tuo ambiente di lavoro non sono protetti. La pubblicazione di informazioni aziendali riservate, buone o cattive, non è protetta.

I dipendenti devono stare attenti a ciò che pubblicano. Puoi comunque essere licenziato, anche se avessi ragione, se violi una politica aziendale legale, la legge stessa o se il tuo discorso non è un'attività altrimenti protetta. È molto di cui preoccuparsi, quindi se hai un'azienda legittima e il tuo obiettivo è risolvere un problema sul lavoro, ciò che spesso è più efficace è seguire la politica aziendale per segnalare problemi sul posto di lavoro.

Politiche sui social media aziendali

I datori di lavoro dovrebbero rivedere la loro politica sui social media per essere sicuri che non stiano limitando il discorso protetto dei dipendenti e per essere sicuri che i datori di lavoro siano ragionevoli. Le politiche ragionevoli includono il diritto dei datori di lavoro di limitare l'uso delle attrezzature aziendali e di dedicare il tempo dell'azienda ad attività non lavorative. Queste politiche devono essere applicate in modo coerente. I datori di lavoro dovrebbero pensarci due volte prima di licenziare un dipendente per aver pubblicato informazioni online per essere sicuri che siano conformi alla legge.

Quando un dipendente viene licenziato per aver pubblicato su Facebook o su un altro sito online, ha il diritto di accedere al Consiglio nazionale per i rapporti di lavoro (NLRB) per assistenza. La rappresentanza sarà determinata dalla base della risoluzione e dal fatto che le informazioni pubblicate siano state protette dalla legge nazionale sui rapporti di lavoro.