Carriere Di Intrattenimento

Commerciale vs Belle Arti

Museo delle Belle Arti di Montreal.

••• Guylain Doyle/Getty Images

Sebbene tutta l'arte sia un'espressione di creatività, emozione e immaginazione, c'è una netta differenza quando si tratta di arte commerciale e belle arti. L'arte commerciale include pubblicità, design grafico, branding, loghi e illustrazioni di libri. L'arte comprende dipinti, sculture, incisione, fotografia, installazione, multimedia, sound art e performance.

Arte commerciale vs. Belle arti

L'arte commerciale, che è raramente esposta in un ambiente pubblico al di fuori del contesto in cui è stata concepita, è in genere creata appositamente per vendere qualcosa e viene utilizzata in qualsiasi cosa, dalla pubblicità all'imballaggio.

Al contrario, mentre alcune opere d'arte sono disponibili per l'acquisto, le esposizioni artistiche non sono in genere create o destinate a ispirare gli spettatori a comprare qualcosa o intraprendere qualsiasi tipo di azione. Lo scopo principale dell'arte è solitamente che gli artisti condividano le loro impressioni ed espressioni artistiche che possono essere successivamente osservate, interpretate e ammirate da altri.

L'arte è spesso rispettata e acclamata dalla critica, mentre l'arte commerciale può essere apprezzata e riconosciuta, ma è improbabile che sia esposta al Louvre. L'arte commerciale tende a utilizzare l'abilità acquisita, mentre l'arte richiede talento innato.

Una prospettiva storica

La differenza tra arte commerciale e belle arti era abbastanza chiara fino alla metà del XX secolo. L'arte commerciale includeva campagne pubblicitarie televisive e stampate, nonché immagini prodotte in serie. Le belle arti consistevano in oggetti unici unici come dipinti, sculture e opere su carta che venivano esposti in gallerie e musei.

Poi il movimento artistico noto come pop art ha sovvertito e fuso questi diversi obiettivi negli anni '60. Artisti pop come Andy Warhol hanno prodotto in serie immagini utilizzando gli strumenti di un artista commerciale. Le Brillo Boxes serigrafate di Warhol sono un esempio memorabile di come l'arte commerciale si sia fusa con l'arte.

Andy Warhol e l'arte delle scatole Brillo

Il filosofo Arthur Danto ha spiegato perché le scatole Brillo di Andy Warhol sono opere d'arte mentre le scatole Brillo del supermercato non lo sono. Sebbene le due scatole sembrino identiche, Danto ha scritto: 'Date due cose che si somigliano a qualsiasi livello, ma una è un'opera d'arte e l'altra un oggetto ordinario, cosa spiega questa differenza di status?'

Danto si rese conto che l'arte come le Brillo Boxes di Warhol era molto più di un semplice oggetto da percepire visivamente. Occorreva un sistema per definirlo come art. 'È il ruolo delle teorie artistiche, in questi giorni, come sempre, rendere possibile il mondo dell'arte e l'arte', ha scritto nel suo famoso saggio 'The Artworld'. In altre parole, è il sistema dell'arte gallerie , curatori , critici d'arte e artisti che aiutano a definire cos'è l'arte ea differenziarla dall'arte commerciale.

Esempi di crossover

Gli artisti utilizzano spesso tecniche commerciali nella scena artistica contemporanea di oggi. Un ottimo esempio è il video artista Pipilotti Rist , i cui video assomigliano a video musicali. Il suo lavoro è comunque esposto in gallerie d'arte e musei.

Allo stesso modo, gli artisti commerciali a volte incorporano elementi di belle arti nelle loro campagne pubblicitarie o nelle loro confezioni. Le pubblicità di Kitchen Aid, ad esempio, hanno reso omaggio alle opere di una varietà di artisti, da Salvador Dali a Henry Matisse.

Anche se il mondo dell'arte di oggi combina elementi sia commerciali che di belle arti, le scuole d'arte mantengono ancora una divisione tra i due. Gli studenti devono scegliere tra laurearsi in belle arti o arti grafiche commerciali durante il perseguimento gradi .